Il wrestling inteso come quello che si vede oggi nelle principali trasmissioni televisive ha iniziato a svilupparsi negli anni ’60-’70, quindi sono moltissimi i wrestler che durante gli anni hanno lasciato il loro segno all’interno delle varie federazioni, sia a livello di titoli conquistati che di carisma fuori e dentro al ring. Sono però pochi i lottatori che hanno saputo unire le due cose e porsi ai massimi livelli sia come personaggi che come lottatori.

Hulk Hogan

Per quanto dato al mondo del wrestling, siamo forse di fronte al più grande wrestler di tutti i tempi: grazie al suo carisma ed alla sua fama Hulk Hogan contribuì enormemente alla diffusione mondiale del wrestling e al suo cambiamento da puro combattimento a prodotto anche di spettacolo. Musica rock che ne accompagnava l’ingresso, frasi ad effetto, vestiti colorati e grandi abilità sul ring ne fecero negli anni ’80-’90 una vera icona della cultura pop. Per merito di tutto quanto fatto durante la sua carriera sia da lottatore (nella WWE come nella rivale WCW) che da uomo di spettacolo, Hogan è sempre stato uno dei wrestler più conosciuti quasi la personificazione del wrestling agli occhi dei meno esperti.

The Rock

The rock

Prima di dedicarsi completamente a Hollywood e al mondo del cinema (La Mummia – il ritorno, il Re Scorpione, i vari Fast and Furious), The Rock è stato un affermato wrestler che ha saputo ritagliarsi un grande spazio conquistando 10 titoli mondiali WWE e WCW tra il 1999 e gli anni 2000. Inizialmente poco apprezzato, The Rock ha saputo farsi apprezzare sia attraverso lo stile di lotta che attraverso le sue capacità di entertainer, aspetto quest’ultimo che lo ha reso un idolo delle folle.

Ric Flair

Ric Flair

Wooo! Se per Hulk Hogan e The Rock erano le parole ad avere il sopravvento, per il “Nature Boy”, soprannome di Ric Flair, sono i numeri a prendersi il palcoscenico: 40 anni sul ring, una carriera iniziata nel 1972, decine di titoli mondiali e non in tutte le federazioni in cui ha combattuto ed un rispetto guadagnato letteralmente sui quadrati davvero in tutto il mondo. Ric Flair possiede forse la musica di ingesso su ring più conosciuta di tutti i tempi, la ripresa della colonna sonora di 2001: Odissea nello spazio, a sua volta risalente al compositore austriaco Johan Strauss e alla sua opera “Also sprach Zarathustra”.

John Cena

John Cena

Qui i tempi sono decisamente più moderni, in quanto John Cena ha fatto il suo esordio nella WWE, unica federazione in cui abbia mai combattuto, nel 2002, on un personaggio sempre positivo, nato come rapper e poi evolutosi in personaggio idolo di teenager, bambini e tifosi occasionali, quasi come un supereroe che combatte contro i cattivi del wrestling. John Cena si è laureato campione del mondo WWE per 13 volte e alcune sue caratteristiche come la mossa finale, la Attitude Adjustment e l’ingresso di corsa sul ring, ne hanno portato la fama a livelli stellari tra i più giovani.

The Undertaker

Rintoccano le campane, le luci si spengono ed a passo lento entra un gigante di 208 cm che incute paura solo alla vista: signore e signori, ecco l’Undertaker! Arrivato in WWE nel 1990, The Undertaker si è subito distinto per la presenza fisica e la sensazione di potenza ma altrettanto per il personaggio piuttosto dark, un becchino macabro che poteva terrorizzare i nemici anche solo con la presenza e con i mind games, trucchi psicologici per innervosire gli avversari. Il successo di The Undertaker è stato lungo e duraturo, fatto di titoli del mondo ma soprattutto di “The Streak”, una serie di 21 vittorie consecutive a Wrestlemania, l’evento più importante del mondo del wrestling.